May
01

copertine

Verrà presentato a Didamatica (Pisa, 7/8/9 maggio) il progetto Storia delle Idee vincitore di una delle gare di “Editoria digitale scolastica” lanciate nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale del MIUR.

“L’obiettivo dell’azione è la realizzazione di un prodotto che sia progettato in un’ottica di trasversalità rispetto alle differenti discipline scolastiche e che consenta di affrontare una porzione consistente del curricolo; un prodotto che sia funzionale al conseguimento di competenze ed abilità e che contribuisca efficacemente alla realizzazione/organizzazione di nuovi ambienti di apprendimento.”

Le discipline contemplate dalla gara, lanciata dal Liceo Scientifico Vieusseux di Imperia, erano filosofia e matematica per il terzo e il quarto anno del liceo.

Il progetto Storia delle idee sviluppa quattro temi tra loro correlati, due dei quali ad ampio contenuto scientifico-matematico,:
– Conversazione sull’Infinito
– Conversazione sul Bene
– Conversazione sulla Libertà
– Conversazione sulla Scienza.
Il progetto è stato concepito e sviluppato a partire dalle caratteristiche “liquide” del testo digitale, che ne permettono diversi gradi di personalizzazione della sua forma quanto del suo contenuto e che caratterizzano l’ambiente didattico digitale DidaSfera.

A partire dunque da una struttura tecnologica che non rinchiude i contenuti in rigidi recinti disciplinari ma ne agevola piuttosto la connessione a diversi livelli di granularità e approfondimento nonché l’interazione significativa tra codici diversi, i contenuti di filosofia e di matematica sono stati progettati in modo da consentire un confronto continuo, sia a livello di sviluppo “sinottico” delle tematiche disciplinari abbinate, che nel parallelismo interdisciplinare dei concetti più rilevanti.
L’impostazione metodologica del Progetto si rifà al modello criticoermeneutico di Richard Rorty, e in modo particolare al suo concetto di ‘conversazione’, intesa come un nuovo modo di intendere la ricerca speculativa alla luce della teoria wittgensteiniana dei Giochi linguistici.
L’intenzione degli autori è quella di superare l’impostazione storicista della disciplina, a favore di una visione dei problemi filosofici più dinamica e più aderente al vissuto . In quest’ottica, il pensiero filosofico appare non più come una successione di autori e di testi, ma come un luogo di dibattito (un’agorà) attorno ai grandi temi dell’esistenza e della conoscenza umane, rivisitati in modo non specialistico ma dialettico e narrativo, come dev’essere ogni dialogo che tenta di spiegare il senso delle cose. Più che fornire definizioni, lo scopo della Storia delle idee è quello di coinvolgere lo studente in un processo di identificazione, grazie a una continua ricerca di attualizzazione dei problemi proposti.

Il progetto è stato realizzato in partnership con Extra e mantenendo un dialogo costante con i docenti del liceo Vieusseux con il quale, durante i tre mesi che il bando concedeva per lo sviluppo (pochissimi!!!), sono state fatte riunioni in presenza e webconference.
Inoltre una partnership con ItalianMood ci ha consentito di realizzare anche un ambiente virtuale 3D che non sarà possibile – per motivi di tempo – presentare a Didamatica e che sarà oggetto del mio prossimo post.

Tutto questo verrà rilasciato, appena collaudato, con licenza Creative Commons.

Vi posto qui una delle timeline inserite nel progetto:

Visualizza la Timeline ingrandita

Posted in convegni, didasfera, editoria scolastica, news BBN | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *