Jan
01

immagine di una veggente con la sfera di cristallo

(immagine trovata per caso, non ricordo più dove, che ho grabbato perché mi ricorda una cartomante che…)

È appena iniziato l’anno e le profezie semiserie di Quintadicopertina “Le dieci cose che succederanno nel 2012 nel mercato degli ebook” non tardano ad avverarsi. Il punto 10: Man mano che passeranno i mesi, ci si renderà conto che il 2013 sarà – senz’ombra di dubbio – l’anno degli ebook.
Il primo articolo che leggo la mattina di capodanno è su l’Unità: Scrittori ed editori: il 2012 sarà l’anno degli ebook? Leggendolo mi chiedo se ci sarà qualcosa di nuovo sull’Unitag “Speciale ebook”, del quale immagino che l’articolo rappresenti l’antipasto e, tra le altre cose, non posso fare a meno di notare che dei 19 intervistati nessuno è disposto a sostenere che il 2012 sarà l’anno degli ebook, tra gli scettici e quelli che fanno scongiuri, tutto fa pensare che la faccenda sarà rimandata, appunto, al 2013.
A noi, che ci occupiamo di scolastica, non fa molta differenza: per chi lavora nella scuola e per la scuola l’anno nuovo inizia a settembre, e l’ultima circolare sull’adozione dei libri di testo dice che sarà l’anno scolastico 2012/13 a imporre l’ebook nelle classi. Il che dimostra che le profezie dei visionari, anche se scherzose, hanno più probabilità di avverarsi di quanto non ne abbia una demagogica circolare ministeriale di essere rispettata perché questo non succederà.
Abbiamo pubblicato i primi ebook nel 2007 e l’anno dopo è uscita la finanziaria che ne rendeva obbligatoria la sperimentazione. Avremmo potuto pensare di essere sulla strada giusta, e invece abbiamo interrotto la produzione: aveva un bel dire il ministro, ma l’ebook così come lo conoscevamo non poteva entrare nelle scuole. E avevamo ragione, non sono entrati. Ben altro infatti bisognava fare, bisognava studiare, sperimentare. L’abbiamo fatto. Abbiamo studiato, sperimentato, profetizzato libri digitali liquidi ed hackerabili, libri visibili ai non vedenti, libri che diventavano ambienti, libri che non fanno rimpiangere i libri. Profezie serissime, per quanto bislacche. E ora siamo pronti. Speriamo che si avverino.

Posted in dalla rete..., didasfera, non dite che non lo avevo detto | Tagged , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *