Oct
06

washing

Il bianco a 40/60°, il colorato a 30°, e anche il bianco delicato a 30°.
Se non sai riconoscere la fibra sintetica (al tatto, o leggi il bugiardino cucito all’interno del capo) non serve sapere che è meglio lavarla a 30°.
Mia suocera ha 80 anni, ex maestra, ha tirato su un paio di figli, e di lavatrici ne ha caricate una caterva. Idem mia madre, che però ha un passato da sarta e i tessuti mi ha insegnato a riconoscerli. Così, quando viene mia suocera, tengo d’occhio la lavatrice: altrimenti ogni tanto un capo si restringe, un altro si colora…
Morale: anche la tecnologia più semplice si presta a un uso sconsiderato e può far danni.

Io non mi occupo di tecnologia, non creo e non vendo tecnologie didattiche, ma le discussioni a “botta e risposta” fra Gianni e Antonio sono sempre interessanti e danno origine a riflessioni in vari luoghi della rete (vi ricordate la discussione sui nativi digitali?).
Anche se è davvero un peccato che, come scrive Gianni in un commento, le prediche si fanno a chi va in chiesa.

Le tecnologie non servono, di Gianni Marconato
Le tecnologie servono, di Antonio Fini
… A meno che, di Gianni Marconato

Posted in dalla rete... | Tagged , | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *