Aug
07

Le reazioni alla (articoli scritti sulla) decisione del Tar sono stravaganti, ma quando invece di apparire su un quotidiano (che, si sa, allunga il brodo del lancio ansa con qualche luogo comune e buonanotte) compaiono su un giornale specializzato…

[…]E poi, invece, fine luglio, sbadabàm, il Tar Lazio modifica la circolare sui libri di testo, e afferma che durante il quinquennio/sessennio di blocco dei testi adottati qualsiasi docente nuovo della classe è autorizzato a modificare il testo adottato.
E allora Tuttoscuola spiega che adesso, vedrai, vedrai, che cosa succede.
Per esempio, dice Tuttoscuola, a settembre arriva LaProfessoressaNuova nella sua bella e nuova progressista scuola, si trova un libro di storia che non le piace (si sa che LaProfessoressaNuova è un po’ noiosa, con i libri) e lo cambia, e così i genitori previdenti, che hanno comprato il libro di scuola che è stato adottato a maggio, a settembre, appena arriva LaProfessoressaNuova, devono comprarne un altro.
Alt. Calma. Non esageriamo, please.
Primo: LaProfessoressaNuova arriva nella nuova scuola, si trova un libro di storia (o di geografia) che non le va, e se lo tiene, lei e i suoi nuovi arguti intelligentissimi alunni. Chiaro? Per cambiare un libro ci vuole una procedura precisa […]

Leggere tutto QUI.

Posted in dalla rete..., editoria scolastica, news scuola | Tagged , , , | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *