Apr
25

naif_laptop
I digital native esistono o non esistono?

Dice la sua Marco Guastavigna, proponendo una sua categoria, i digital naïf.

[…]Chi è quindi il digital naïf? È colui o colei che utilizza in maniera ingenua le tecnologie della società della conoscenza, credendo – quasi sempre in totale buona fede – di impiegarle in modo produttivo ed efficace.

A differenza del mitico digital native, il nostro soggetto è trasversale alle generazioni. […]

Da leggere tutto assolutamente.
E quello che mi diverte è che regge anche il parallelo che avevo fatto al docebo-tech (riproposto qui) con i testi scolastici digitali.
Io li avevo definiti primitivi, anche i nostri che sono curatissimi (ecchepperò si stanno evolvendo rapidamente)… ma dando una desolata occhiata in giro la definizione naïf è davvero la più calzante.

Posted in dalla rete..., editoria scolastica | Tagged , , , , , , , , , , | 2 Comments

2 Responses to Guastavigna: I digital naïf

  1. Pingback: Potevano mancare i digital naïf? « Speculum Maius

  2. Pingback: Bibienne BlogBooks on the Net Currenti calamo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *